Quanti gas refrigeranti esistono?

La storia del gas refrigerante si è evoluta con le novità tecnologiche e la sensibilità ambientale. I gas studiati fino ad ora appartengono a tre generazioni: dall’uso di gas impattanti per l’ozono come i CFC e gli HCFC, fino agli HFC o Fgas ad alto e medio GWP della terza generazione e gli innovativi HFO con un effetto serra praticamente nullo che tuttavia richiedono, come gli altri refrigeranti, una gestione corretta del fine vita per avere un'impronta totalmente ecologica. Ogni gas refrigerante contiene un sistema di numerazione per codice R-# che identifica sistematicamente la struttura molecolare dei refrigeranti contenenti un singolo idrocarburo alogenato.


Recentemente si assiste a un forte incremento dell’uso di gas provenienti dalla catena del gas fossile (idrocarburi raffinati e distillati), della CO2 raffinata e liquefatta (R744 per refrigerazione), dell’ammoniaca anidra liquefatta (R717). Questi gas vengono chiamati impropriamente “naturali”, ma sarebbe meglio definirli “di origine naturale”.

Potrebbe interessarti anche

Image
Icons

Efficienza energetica nella refrigerazione con i nuovi refrigeranti a base HFO

I fattori esterni ed interni che influenzano i costi energetici nel nostro Paese sono diversi e pongono l’accento sull’efficienza energetica degli i ...

Leggi tutto
Image
Icons

Il “bizzarro” mercato delle quote CO2 in Unione Europea. Di che si tratta?

I costi associati all’energia elettrica in tutto il Mondo stanno creando grattacapi importanti in settori che ne fanno abbondante uso. La refrigerazione e ...

Leggi tutto
Image
Icons

Le quote CO2 di emissione ambientale in Unione Europea

Nella sezione “Pillole” abbiamo accennato al “bizzarro” mercato della CO2 in Europa. Ci sembra importante approfondire questo argomento ...

Leggi tutto