Refrigera 2021: General Gas illustra i gas a base HFO con bassissimo GWP per la Refrigerazione

Quale sarà il futuro dei gas nel settore della refrigerazione commerciale e industriale? Per General Gas è opportuno puntare sulla nuova generazione di gas a base di HFC con GWP < 150. Ne abbiamo parlato alla seconda edizione di Refrigera, la fiera internazionale della catena del freddo.

Un presente e un futuro più sostenibile per la catena del freddo, grazie a soluzioni alternative e a basso GWP (potenziale di riscaldamento globale): questo tema è stato al centro del dibattito durante Refrigera Show 2021, la prestigiosa fiera internazionale della catena del freddo che si è svolta a Bologna dal 3 al 5 novembre.

L’edizione di quest’anno, che ha coinvolto oltre 7.000 operatori provenienti da più di 20 nazioni, prevedeva 60 appuntamenti tra convegni e workshop organizzati dal Centro Studi Galileo, in collaborazione con ATF (Associazione Italiana dei Tecnici del Freddo). Il nostro Ing. Stefano Fedeli, insieme all’Ing. Letterio Romeo di Honeywell International, hanno partecipato a uno degli incontri formativi, dialogando con esperti del settore sulla nuova frontiera dei gas refrigeranti HFO, ovvero gas sintetici a bassissimo GWP. Se vuoi approfondire, qui trovi l’intervento integrale.

 

Grande passo in avanti: il futuro è all’insegna del progresso sostenibile con gli HFO

La necessità di avviare una profonda revisione orientata ad un minore impatto ambientale e ad una maggiore efficienza energetica, coinvolge da diversi anni il settore delle refrigerazione: in particolare nel 2021 entrano in vigore alcune restrizioni che riguardano il GWP massimo che si può impiegare in una nuova costruzione, mentre proseguirà l’attività retrofit con R448A, R449A e R452A dai “vecchi” R404A e R507A.

L’obiettivo comune di tutti i produttori nel campo della refrigerazione, dunque, è di favorire il  progresso sostenibile. Le soluzioni proposte dalla scienza sono eccezionalmente valide; il nostro compito è quello di indirizzare produttori e manutentori verso gas refrigeranti sostenibili, sia per il settore dell’aria condizionata sia per la refrigerazione, trovando delle soluzioni che coniugano efficienza energetica top e impatto ambientale minimo. Prima di approfondire quali sono le proposte che possono aiutarvi a raggiungere questi obiettivi, vediamo insieme le limitazioni che riguardano i nuovi impianti di refrigerazione commerciale.

Limitazioni per i nuovi impianti di refrigerazione commerciale

La normativa Fgas prevede delle limitazioni per la categoria delle centrali di refrigerazione ad uso commerciale (supermarket) con una potenza frigorifera > 40 kW. Per chi costruisce nuovi impianti la limitazione da gennaio 2022 diviene GWP < 150. Da tenere sempre presente che detto limite si applica notoriamente anche a nuove costruzioni definite “Plug-In”, frigoriferi ermetici.

Limitazioni manutenzione degli impianti esistenti - Refrigerazione

In tema di manutenzione, retrofit, rimane la soglia di 2500 GWP sia per la refrigerazione industriale, che per quella commerciale. In questo caso gli impianti che utilizzano gas R448A, R449A o R134A ad esempio potranno essere mantenuti in funzione, mentre sugli impianti che manterranno  R404A e R507 si potranno utilizzare solo gas rigenerati a specifica AHRI 700 (preservandone così una buona efficienza termodinamica).

La nuova frontiera dei gas refrigeranti a basso GWP

Guardare verso un futuro sostenibile per la catena del freddo è tuttavia un traguardo possibile, grazie alla nuova frontiera di gas refrigeranti HFO-HFC con GWP < 150. Questi gas garantiscono un impatto ambientale minimo, con un’efficienza energetica molto elevata.

Tra le case histories di successo in questo ambito, c’è, ad esempio, il progetto di centrali multipack di due supermercati con potenza anche superiore a 40 kW in TN, che certifica scientificamente la convenienza dell’utilizzo dei gas refrigeranti HFO. Dopo un confronto tra l'utilizzo di R744 (CO2 raffinata) e due gas HFO (R455A - R454C) è emerso che a livello di costo realizzativo, operativo per il funzionamento costante della macchina e di consumo energetico, gli HFO sono convenienti, efficienti e di facile manutenzione. Viene spiegato anche come rispettare le direttive della EN378 in termini di sicurezza di costruzione e manutenzione impianti di refrigerazione.

 

Vuoi scoprire quali sono le soluzioni più adatte alla tua azienda? Contattaci per una consulenza gratuita con cui ti aiuteremo a progettare il tuo impianto di refrigerazione e a fare delle scelte orientate al rispetto dell’ambiente.

Scopri le nostre case histories di successo; le racconta Stefano Fedeli nel video dell’intervento che potete rivedere qui.

I benefici nell’utilizzo dei nuovi gas a base di HFO

L'efficientamento energetico degli impianti è sinonimo di risparmio economico e beneficio ambientale; proponiamo tecnologie di basso costo applicativo che abbattono i costi di funzionamento e riducono le cariche gas refrigerante: sono le unità ausiliarie di sottoraffreddamento meccanico, come dei mini frigoriferi, alimentati a gas HFC o HFO.

Il dimensionamento dei gruppi ausiliari deve essere fatto accuratamente. 

Questi sistemi:

  • riducono il consumo energetico;
  • limitano la spesa per energia elettrica;
  • riducono le cariche gas e le dimensioni dei compressori, tubi e scambiatori;
  • riducono la spesa per costruire il circuito primario;
  • si integrano con il controllo elettronico.

 

A livello di prestazione energetica, per le temperature di condensazione tipiche per la gran parte dell’Italia si ha un beneficio energetico superiore al 20%.

 

È fondamentale conoscere le soluzioni disponibili per ridurre i costi e incrementare l'efficienza degli impianti di refrigerazione. Noi siamo a vostra disposizione per accompagnarvi a fare la scelta giusta!

Refrigeranti a base di HFO: minimo impatto ambientale, minima spesa nella vita impianto

L’efficienza energetica è un obiettivo prioritario anche secondo le ultime analisi presentate alla commissione EU per la salvaguardia del clima: decarbonizzare vuol dire prima di tutto consumare poco. 

Questo percorso viene sintetizzato nel concetto dell’equa efficienza promulgato dalla Comunità Europea: l’energia migliore è quella non prodotta perché non necessaria. Noi orientiamo il nostro lavoro proprio a questo obiettivo, puntando alla sostenibilità dei gas utilizzati e al minimo costo dell’impianto.

In particolar modo due sono le scelte fondamentali da fare nell’ambito dei sistemi di refrigerazione: progettare l’architettura giusta e scegliere il gas più utile a ogni tipo di impianto.

 

Le aziende hanno dunque una grande responsabilità: contribuire perseguendo una maggiore sostenibilità e ad un minimo costo dell’impianto (sviluppo sostenibile socialmente), passando da un’analisi accurata di costi e benefici.

Ciò è possibile affidandosi a partner che hanno conoscenze per supportare le aziende nelle scelte cruciali. General Gas e Honeywell sono a supporto della filiera produttiva su questo modello. I nostri clienti collaborano ogni giorno su case history da analizzare e approfondire, per informare i tecnici sulle migliori soluzioni disponibili.

 

Nell’ intervento dell'Ing. Letterio Romeo di Honeywell il gas HFO Solstice L40X (R-455A) viene analizzato in dettaglio e in maniera piuttosto scientifica e obiettiva in quanto tale.

I vantaggi posti in rilievo sono principalmente:

  • una carica refrigerante elevata e che ricopre un’ampia gamma di impiego;
  • elevata sicurezza di uso e manutenzione;
  • infiammabilità drasticamente ridotta rispetto a una soluzione R290;
  • possibilità di valutare l'efficienza energetica con il modello “Eco-Efficiency” validato da consulente esterno multinazionale indipendente.

 

Questo gas, unito a progettazione mirata alle specifiche esigenze dell’azienda, porta alla diminuzione consistente dell’impatto ambientale e a una grande potenzialità di risparmio economico.

 

Noi di General Gas crediamo nel futuro della refrigerazione a basso impatto ambientale; per questo, ogni evento formativo è un momento di confronto, per riflettere su nuovi scenari per la catena del freddo e rendervi partecipi di nuove soluzioni amiche dell’ambiente. Chiamateci per una consulenza gratuita: sapremo fare insieme le scelte migliori per la vostra azienda e per l’ambiente.

Potrebbe interessarti anche

Image
Icons

Gas refrigeranti nei condizionatori: normative e caratteristiche

I nostri condizionatori sono partiti, d’altra parte ormai l’estate è alle porte.Ma prima di accenderli è necessario procedere alla lor ...

Leggi tutto
Image
Icons

Le reali emissioni effetto serra: il “peso” dei gas refrigeranti

Agli appartenenti alla filiera della produzione e commercio dei beni alimentari certamente non sarà sfuggito un interessante articolo comparso sulla test ...

Leggi tutto
Image
Icons

T.E.W.I. e T.C.O., indicatori fondamentali nell'aria condizionata e nella refigerazione

L'ing. Stefano Fedeli, responsabile Business Development & Marketing del Gruppo GeneralGas e SaldoGas, espone le caratteristiche di T.E.W.I. e T.C.O., indic ...

Leggi tutto